Certificazione delle vendite di dischi musicali

Voce da controllare
Questa voce o sezione sull'argomento musica è ritenuta da controllare.
Motivo: Pagina in continuo divenire che necessiterebbe di un monitoraggio e di un aggiornamento continuo, visto che i vari enti preposti cambiano i criteri. Avrebbe senso solo come pagina storica e non di attualità (anche perché a rischio recentismo)
Niente fonti!
Questa voce o sezione sull'argomento classifiche musicali non cita le fonti necessarie o quelle presenti sono insufficienti.
Da aggiornare
Questa voce o sezione deve essere rivista e aggiornata appena possibile.

La certificazione delle vendite di dischi musicali è un sistema attraverso cui si può stabilire se un disco sia stato venduto e in quante copie.

Non esiste un sistema univoco, potendo essere adottati diversi criteri di conteggio così come diverse soglie di riferimento per l'eventuale assegnazione di riconoscimenti (per esempio i dischi d'oro).

Sistema di certificazione

Criteri adottati

I criteri adottati per la determinazione delle vendite differiscono tra i diversi Paesi. In alcuni, il sistema si riferisce a quante copie siano state distribuite; tale criterio viene spesso nominato sell in ("venduto all'interno") della catena di distribuzione musicale, e riguarda le copie vendute ai negozi (e quindi non necessariamente all'utente finale). In altri Paesi è invece adottato il criterio nominato sell out ("venduto all'esterno") della catena di distribuzione, cioè vengono contate le copie effettivamente acquistate da un utente finale. Dagli anni 2000 il sistema di certificazione è stato esteso anche alle vendite on line, includendo quindi i brani acquistati digitalmente su Internet, e successivamente anche i brani ascoltati in streaming sulle apposite piattaforme digitali.

Le quantità numeriche da raggiungere per ottenere le certificazioni sono rapportate alle vendite (fisiche e in rete) classificate normalmente per tipo di supporto. Questi valori sono diminuiti nel tempo a causa della contrazione subita dal mercato discografico.

Premi e soglie di riferimento

A partire dal metodo utilizzato dall'ente statunitense dedito a questo impiego, la RIAA, molti paesi hanno adottato riconoscimenti o premi al raggiungimento di alcune soglie di vendita: più comuni sono il disco d'oro e il disco di platino, mentre sono meno comuni il disco d'argento e il disco di diamante.

La quantità minima di copie vendute per aggiudicarsi un dato premio (disco d'oro, disco di platino, ecc.) non è stata costante nel tempo; per esempio, il primo disco d'oro fu assegnato per un milione di copie (nel 1942). Inoltre, tale quantità minima di copie varia di paese in paese, a seconda della popolazione, del territorio e di altri parametri.

Album

Paese Soglie di vendita Soglie precedenti Ente
Argento Oro Platino Diamante
Argentina Argentina 10.000 20.000 135.000 Oro: 30.000, Platino: 60.000, Diamante: 500.000 (1980-2000); Oro: 20.000, Platino: 40.000, Diamante: 250.000 (fino al 2016) Cámara Argentina de Productores de Fonogramas y Videogramas[1]
Australia Australia 35.000 70.000 500.000 Oro: 20.000, Platino: 50.000 (fino al 1983) Australian Recording Industry Association[2][3]
Austria Austria 7.500 15.000 Oro: 10.000, Platino: 20.000 (fino al 2012) IFPI Austria[4][5]
Belgio Belgio 10.000 20.000 Oro: 15 000 (25 000), Platino: 30 000 (50 000) (fino al 2006); Oro: 10 000 (15 000), Platino: 20 000 (30 000) (2007-2018) Belgian Entertainment Association[6][7]
Brasile Brasile Album nazionali 40.000 80.000 300.000 Oro: 100 000, Platino: 250 000, Diamante: 1 000 000 (fino al 2000); Oro: 100 000 (50 000), Platino: 250 000 (100 000), Diamante: 1 000 000 (500 000) (fino al 2003); Oro: 50 000, Platino: 125 000, Diamante: 500 000 (2004-2005); Oro: 50 000 (30 000), Platino: 100 000 (60 000), Diamante: 500 000 (250 000) (2006-2009) Pro-Música Brasil[8][9]
Album internazionali 20.000 40.000 160.000
Bulgaria Bulgaria 1.000 2.000 Bulgarian Association of Music Producers[10]
Canada Canada 40.000 80.000 800.000 Oro: 50 000, Platino: 100 000, Diamante: 1 000 000 (fino al 30 aprile 2008) Music Canada[11][12]
Cile Cile 5.000 10.000 100.000 International Federation of the Phonographic Industry – Chile[13]
Colombia Colombia Album nazionali 10.000 20.000 200.000 Asociación Colombiana de Productores de Fonogramas (fino a ottobre 2008); Asociación Colombiana de Intérpretes y Productores Fonográficos (dal 2022)
Album internazionali 5.000 10.000 100.000
Corea del Sud Corea del Sud 250.000 1.000.000 Korea Music Content Association[14][15]
Croazia Croazia 3.750 7.500 15.000 30.000 Croatian Phonographic Association[16]
Danimarca Danimarca 10.000 20.000 Oro: 25 000, Platino: 50 000 (tra metà anni 1990 e inizio anni 2000); Oro: 15 000, Platino: 30 000 (da inizio anni 2000 al 2012) IFPI Danmark[17]
Ecuador Ecuador 6.000 6.000 International Federation of the Phonographic Industry – Ecuador
Filippine Filippine 7.500 15.000 150.000 Oro: 20 000, Platino: 40 000, Diamante: 400 000 (1990-giugno 2004); Oro: 15 000, Platino: 30 000, Diamante: 300 000 (luglio 2004-settembre 2007); Oro: 15 000 (10 000), Platino: 30 000 (20 000), Diamante: 300 000 (200 000) (ottobre 2007-settembre 2008); Oro: 12 500 (7 500); Platino: 25 000 (15 000); Diamante: 250 000 (150 000) (ottobre 2008-marzo 2009); Oro: 10 000 (7 500), Platino: 20 000 (15 000), Diamante: 200 000 (150 000) (aprile 2009-febbraio 2012) Philippine Association of the Record Industry[18][19]
Finlandia Finlandia 10.000 20.000 Oro: 25 000, Platino: 50 000 (1971-1993); Oro: 20 000, Platino: 40 000 (1994-2000); Oro: 15 000, Platino: 30 000 (2001-2009) IFPI Finland[20][21]
Francia Francia 50.000 100.000 500.000 Argento: 50 000, Oro: 100 000, Platino: 400 000, Diamante: 1 000 000 (fino al 30 ottobre 1988); Argento: 50 000, Oro: 100 000, Platino: 300 000, Diamante: 1 000 000 (31 ottobre 1988-30 giugno 2006); Argento: 35 000, Oro: 75 000, Platino: 200 000, Diamante: 750 000 (1º luglio 2006-30 giugno 2009) Syndicat national de l'édition phonographique[22][23]
Germania Germania 100.000 200.000 750.000 Oro: 250 000, Platino: 500 000 (fino al 24 settembre 1999); Oro: 150 000, Platino: 300 000 (25 settembre 1999-2002); Oro: 100 000, Platino: 200 000 (2003-31 maggio 2014) Bundesverband Musikindustrie[24]
Giappone Giappone 100.000 250.000 1.000.000 Oro: 200 000 (100 000), Platino: 400 000 (200 000), Diamante: 1 000 000 (1 000 000) (fino a giugno 2003) Recording Industry Association of Japan[25]
Grecia Grecia Album nazionali 6.000 12.000 Oro: 50 000, Platino: 100 000 (fino al 1990); Oro: 30 000; Platino: 60 000 (1991-31 agosto 1997); Oro: 25 000 (15 000), Platino: 50 000 (30 000) (1º settembre 1997-31 agosto 2002); Oro: 20 000 (10 000), Platino: 40 000 (20 000) (1º settembre 2002-31 agosto 2006); Oro: 15 000 (7 500), Platino: 30 000 (15 000) (1º settembre 2006-31 maggio 2007); Oro: 15 000 (5 000), Platino: 30 000 (10 000) (1º giugno 2007-30 giugno 2008); Oro: 6 000 (3 000), Platino: 12 000 (6 000) (1º luglio 2008-2019) IFPI Greece[26]
Album internazionali 3.000 6.000
Hong Kong Hong Kong Album nazionali 15.000 30.000 International Federation of the Phonographic Industry – Hong Kong[27]
Album internazionali 7.500 15.000
India India Album nazionali 75,000 150,000 Indian Music Industry[28]
Album internazionali 12,000 30,000
Indonesia Indonesia Album nazionali 15.000 30.000 Recording Industry Association of Indonesia[29]
Album internazionali 5.000 10.000
Irlanda Irlanda 7.500 15.000 Irish Recorded Music Association[30]
Islanda Islanda 5.000 10.000 International Federation of the Phonographic Industry – Iceland[31]
Israele Israele Album nazionali 15.000 30.000 Israeli Federation of the Phonographic Industry[32][33]
Album internazionali 10.000 20.000
Italia Italia 25 000 50 000 500.000 Argento: 500 000, Oro: 1 000 000, Platino: 10 000 000 (fino al 1974); Oro: 300 000 (1975-autunno 1982); Oro: 250 000, Platino: 500 000 (autunno 1982[34] - luglio 1985); Oro: 100 000, Platino: 200 000 (29 luglio 1985[35] - estate 1989[36][37]); Oro: 100 000, Platino: 250 000 (fine estate 1989[38] - 30 settembre 1994); Oro: 50 000, Platino: 100 000 (1º ottobre 1994[39] - febbraio 1995); Oro: 50 000, Platino: 100 000, Diamante: 500 000 (marzo 1995-dicembre 2004); Argento: 20 000, Oro: 40 000 per gli album e 15 000 per i DVD,[40] Platino: 80 000 per gli album e 30 000 per i DVD,[40] Diamante: 400 000 (2005-2007); Oro: 35 000, Platino: 70 000, Diamante: 350 000 (2008); Oro: 30 000, Platino: 60 000, Multiplatino: 120 000, Diamante: 300 000 (2009-2011); Oro: 30 000, Platino: 60 000, Diamante: 600 000 (2012-2013) Associazione fonografici italiani (fino a febbraio 1995),[41]
Federazione Industria Musicale Italiana (da marzo 1995)[42][43]
Lettonia Lettonia 5.000 9.000 Latvian Music Producers Association[31][44]
Libano Libano Album nazionali 20.000 40.000 International Federation of the Phonographic Industry – Lebanon[32]
Album internazionali 1.000 2.000
Malaysia Malaysia 5.000 10.000 Recording Industry Association of Malaysia[32]
Messico Messico 70.000 140.000 700.000 Oro: 100 000, Platino: 250 000, Diamante: 1 000 000 (fino al 1998); Oro: 75 000, Platino: 150 000, Diamante: 1 000 000 (1999); Oro: 75 000, Platino: 150 000, Diamante: 500 000 (2000-30 giugno 2003); Oro: 50 000, Platino: 100 000, Diamante: 500 000 (1º luglio 2003-2007); Oro: 40 000, Platino: 80 000, Diamante: 400 000 (2008-30 giugno 2009); Oro: 30.000, Platino: 60.000, Diamante: 300.000 (luglio 2009-ottobre 2020) Asociación Mexicana de Productores de Fonogramas y Videogramas[45]
Norvegia Norvegia 10.000 20.000 Oro: 25 000, Platino: 50 000 (fino a inizio anni 2000); Oro: 15 000, Platino: 30 000 (inizio anni 2000-2017) IFPI Norge[46]
Nuova Zelanda Nuova Zelanda 7.500 15.000 Recorded Music NZ[47][48]
Paesi Bassi Paesi Bassi 20.000 40.000 Oro: 50 000, Platino: 100 000 (1978-1999); Oro: 40 000, Platino: 80 000 (2000-2005); Oro: 35 000, Platino: 70 000 (2006-2007); Oro: 30 000, Platino: 60 000 (2008-31 maggio 2009); Oro: 25 000, Platino: 50 000 (1º giugno 2009-30 giugno 2014) Nederlandse Vereniging van Producenten en Importeurs van beeld- en geluidsdragers[49]
Paraguay Paraguay 5.000 10.000 Sociedad de Gestión de Productores Fonográficos del Paraguay[32]
Perù Perù 3.000 6.000 Unión Peruana de Productores Fonográficos[32]
Polonia Polonia Album nazionali 15.000 30.000 150.000 Oro: 50 000, Platino: 100 000, Diamante: 500 000 (fino al 30 aprile 2002); Oro: 35 000 (20 000), Platino: 70 000 (40 000), Diamante: 350 000 (200 000) (1º maggio 2002-30 giugno 2005) Związek Producentów Audio-Video[50][51][52]
Album internazionali 10.000 20.000 100.000
Portogallo Portogallo 7.500 15.000 Oro: 10 000, Platino: 20 000 (2008-2010) Associação Fonográfica Portuguesa[53]
Regno Unito Regno Unito 60.000 100.000 300.000 British Phonographic Industry[54]
Rep. Ceca Rep. Ceca Album nazionali 5.000 10.000 Oro: 7 500 (3 000), Platino: 15 000 (6 000) (2007-2013) IFPI Czech Republic & Slovakia[55]
Album internazionali 1.500 3.000
Russia Russia Album nazionali 25.000 50.000 National Federation of Phonograph Producers (2001-2018)[56], InterMedia (dal 2010)[57][58]
Album internazionali 5.000 10.000
Singapore Singapore 5.000 10.000 Recording Industry Association Singapore[32][59]
Slovacchia Slovacchia Album nazionali 2.000 4.000 Oro: 3 000 (1 000), Platino: 6 000 (2 000) (2007-2013) IFPI Czech Republic & Slovakia[55]
Album internazionali 1.000 2.000
Spagna Spagna 20.000 40.000 Oro: 50 000, Platino: 100 000 (fino al 31 ottobre 2005); Oro: 40 000, Platino: 80 000 (1º novembre 2005-5 settembre 2009); Oro: 30 000, Platino: 60 000 (6 settembre 2009-31 ottobre 2011) Productores de Música de España[60][61]
Stati Uniti Stati Uniti 500.000 1.000.000 10.000.000 Recording Industry Association of America[62]
Sudafrica Sudafrica 15.000 30.000 Oro: 20 000, Platino: 40 000 (1º agosto 2006-30 novembre 2015) Recording Industry of South Africa[63][64]
Svezia Svezia 15.000 30.000 Oro: 40 000, Platino: 80 000 (fino a metà degli anni 2000); Oro: 20 000, Platino: 40 000 (metà degli anni 2000-2013); Oro: 10 000, Platino: 20 000 (2013-2018) IFPI Sverige[65][66]
Svizzera Svizzera Album internazionali 10.000 20.000 Oro: 25 000, Platino: 50 000 (fino al 2000); Oro: 20 000, Platino: 40 000 (2001-2005); Oro: 15 000 (10.000)[67], Platino: 30 000 (20 000)[67] (2006-2012) IFPI Schweiz[68][69][70]
Album in francese e italiano 7.500 15.000
Taiwan Taiwan Album nazionali 15.000 30.000 Recording Industry Foundation in Taiwan[71]
Album internazionali 5.000 10.000
Thailandia Thailandia Album nazionali 10.000 20.000 Thai Entertainment Content Trade Association[72]
Album internazionali 5.000 10.000
Turchia Turchia Album nazionali 50.000 100.000 150.000 Turkish Phonographic Industries Society[72][73]
Album internazionali 3.000 5.000 10.000
Ucraina Ucraina Album nazionali 50.000 100.000 500.000 International Federation of the Phonographic Industry – Ukraine[74]
Album internazionali 25.000 50.000 100.000
Ungheria Ungheria 2.000 4.000 Oro: 100 000, Platino: 200 000, Diamante: 400 000 (fino al 6 giugno 1992); Oro: 50 000, Platino: 100 000, Diamante: 200 000 (6 giugno 1992-3 dicembre 1997); Oro: 25 000, Platino: 50 000 (3 dicembre 1997-23 aprile 2002); Oro: 15 000, Platino: 30 000 (23 aprile 2002-23 febbraio 2005); Oro: 10 000, Platino: 20 000 (23 febbraio 2005-13 settembre 2006); Oro: 7 500, Platino: 15 000 (13 settembre 2006-1º ottobre 2009); Oro: 5 000, Platino: 10 000 (1º ottobre 2009-14 dicembre 2012) Magyar Hangfelvétel-kiadók Szövetsége[75][76][77]
Uruguay Uruguay 2.000 4.000 Cámara Uruguaya del Disco[78]
Venezuela Venezuela 5.000 10.000 Asociación Venezolana de Intérpretes y Productores de Fonogramas[72]
Consiglio di cooperazione del Golfo[79] Album nazionali 10.000 20.000 International Federation of the Phonographic Industry[80]
Album internazionali 3.000 6.000

Singoli

Paese Soglie di vendita Soglie precedenti Ente
Argento Oro Platino Diamante
Argentina Argentina 10.000 20.000 135.000 Oro: 50 000, Platino: 100 000 (1980-2000) Cámara Argentina de Productores de Fonogramas y Videogramas[1]
Australia Australia 35.000 70.000 Australian Recording Industry Association[2][3]
Austria Austria 15.000 30.000 Oro: 5 000, Platino: 10 000 (fino al 2008) IFPI Austria[4][5]
Belgio Belgio Album nazionali 10.000 20.000 Oro: 15 000 (25 000), Platino: 30 000 (50 000) (fino al 2018) Belgian Entertainment Association[6][7]
Album internazionali 20.000 40.000
Brasile Brasile Album nazionali 40.000 80.000 300.000 Oro: 100 000, Platino: 250 000, Diamante: 1 000 000 (fino al 2000); Oro: 100 000 (50 000), Platino: 250 000 (100 000), Diamante: 1 000 000 (500 000) (fino al 2003); Oro: 50 000, Platino: 125 000, Diamante: 500 000 (2004-2005); Oro: 50 000 (30 000), Platino: 100 000 (60 000), Diamante: 500 000 (250 000) (2006-2009) Pro-Música Brasil[8][9]
Album internazionali 20.000 40.000 160.000
Canada Canada 40.000 80.000 800.000 Oro: 75 000, Platino: 150 000, Diamante: 1 500 000 (fino al 31 gennaio 1982); Oro: 50 000, Platino: 100 000, Diamante: 1 000 000 (1º febbraio 1982-31 agosto 2002); Oro: 5 000, Platino: 10 000, Diamante: 100 000 (1º settembre 2002-30 aprile 2008) Music Canada[11][12]
Corea del Sud Corea del Sud 2 500 000 (download)
1 000 000 (streaming)
10 000 000 Korea Music Content Association[14][15]
Danimarca Danimarca 45 000 90 000 Vendite: Oro: 4 000, Platino: 8 000 (da inizio anni 2000 al 2006); Oro: 15 000, Platino: 30 000 (2007-16 novembre 2014)
Streaming: Oro: 50 000, Platino: 100 000 (7 gennaio 2011-29 gennaio 2012); Oro: 450 000, Platino: 900 000 (30 gennaio-29 aprile 2012); Oro: 900 000, Platino: 1 800 000 (30 aprile 2012-20 marzo 2014); Oro: 1 300 000, Platino: 2 600 000 (20 marzo-16 novembre 2014)
Vendite + streaming: Oro: 30 000, Platino: 60 000 (17 novembre 2014-31 marzo 2016)
IFPI Danmark[17]
Finlandia Finlandia 20 000 40 000 Oro: 5 000, Platino: 10 000 (1994-2013) IFPI Finland[20][21]
Francia Francia 100 000 200 000 333 333 Argento: 250 000, Oro: 500 000, Platino: 1 000 000 (fino al 30 ottobre 1988); Argento: 200 000, Oro: 400 000, Platino: 800 000 (31 ottobre 1988-28 febbraio 1991); Argento: 125 000, Oro: 250 000, Platino: 500 000, (1º marzo 1991-1º gennaio 1997); Argento: 125 000, Oro: 250 000, Platino: 500 000, Diamante: 750 000 (2 gennaio 1997-30 aprile 2005); Argento: 100 000, Oro: 200 000, Platino: 300 000, Diamante: 500 000 (1º maggio 2005-30 giugno 2009); Oro: 150 000, Platino: 250 000, Diamante: 400 000 (1º luglio 2009-17 marzo 2013); Oro: 75 000, Platino: 150 000, Diamante: 250 000 (18 marzo 2013-2015); Oro: 66 666, Platino: 133 333, Diamante: 233 333 (2016-26 aprile 2018) Syndicat national de l'édition phonographique[22][23]
Germania Germania 200 000 400 000 1 000 000 Oro: 250 000, Platino: 500 000 (fino al 2002); Oro: 150 000, Platino: 300 000 (2003-31 maggio 2014) Bundesverband Musikindustrie[24]
Giappone Giappone 300 000
(streaming)
100 000
(vendite)
500 000
(streaming)
250 000
(vendite)
1 000 000
(streaming)
1 000 000
(vendite)
5 000 000
(streaming)
Oro: 200 000 (50 000), Platino: 400 000 (100 000), Diamante: 1 000 000 (1 000 000) (fino a giugno 2003) Recording Industry Association of Japan[25]
Grecia Grecia 10 000 20 000 Oro: 7 500, Platino: 15 000 (fino al 2007); Oro: 3 000, Platino: 6 000 (2008-2019) IFPI Greece[26]
Irlanda Irlanda 7 500 15 000 Irish Recorded Music Association[30]
Italia Italia 50 000 100 000 1 000 000 Argento: 500 000, Oro: 1 000 000, Platino: 10 000 000 (fino al 1974); Oro: 500 000 (1975-autunno 1982); Oro: 300 000, Platino: 600 000 (autunno 1982[34] - luglio 1985); Oro: 100 000, Platino: 200 000 (29 luglio 1985[35] - estate 1989[36][37]); Oro: 100 000, Platino: 250 000 (fine estate 1989[38] - 30 settembre 1994); Oro: 50 000, Platino: 100 000 (1º ottobre 1994[39] - giugno 1999); Oro: 25 000, Platino: 50 000 (giugno 1999-dicembre 2004); Oro: 10 000, Platino: 20 000 (2005-2008); Oro: 15 000, Platino: 30 000, Multiplatino: 60 000 (2009-2013); Oro: 15 000, Platino: 30 000, Diamante: 300 000 (1º gennaio 2014-25 gennaio 2015); Oro: 25 000, Platino: 50 000, Diamante: 500 000 (26 gennaio 2015[81] - dicembre 2019); Oro: 35 000, Platino: 70 000, Diamante: 700 000 (2020-2021) Associazione fonografici italiani (fino a febbraio 1995),[41]
Federazione Industria Musicale Italiana (da marzo 1995)[42][43]
Messico Messico 30 000 60 000 300 000 Asociación Mexicana de Productores de Fonogramas y Videogramas[45]
Norvegia Norvegia 30 000 60 000 Oro: 5 000, Platino: 10 000 (da metà anni 2000 al 2014); Oro: 20 000, Platino: 40 000 (dal 2015 al 2017) IFPI Norge[46]
Nuova Zelanda Nuova Zelanda 15 000 30 000 Oro: 7 500, Platino: 15 000 (fino al 17 giugno 2016) Recorded Music NZ[47][48]
Paesi Bassi Paesi Bassi 40 000 80 000 Oro: 100 000, Platino: 150 000 (1978-1983); Oro: 75 000, Platino: 100 000 (1984-1991); Oro: 50 000, Platino: 75 000 (1992-1999); Oro: 40 000, Platino: 60 000 (2000-2007); Oro: 25 000, Platino: 50 000 (2008); Oro: 10 000, Platino: 20 000 (2009-30 giugno 2014); Oro: 15 000, Platino: 30 000 (1º luglio 2014-31 marzo 2016); Oro: 20 000, Platino: 40 000 (1º aprile 2016-2017) Nederlandse Vereniging van Producenten en Importeurs van beeld- en geluidsdragers[49]
Polonia Polonia 10 000 20 000 100 000 Oro: 50 000, Platino: 100 000, Diamante: 500 000 (fino a settembre 2001) Związek Producentów Audio-Video[50][51][52]
Portogallo Portogallo 5 000 10 000 Oro: 10 000, Platino: 20 000 (2011-2015) Associação Fonográfica Portuguesa[53]
Regno Unito Regno Unito 200 000 400 000 600 000 Argento: 250 000, Oro: 500 000, Platino: 1 000 000 (fino al 1988) British Phonographic Industry[54]
Spagna Spagna 20 000 40 000 Oro: 25 000, Platino: 50 000 (fino al 31 ottobre 2005); Oro: 10 000, Platino: 20 000 (1º novembre 2005-31 marzo 2007); Oro: 10 000, Platino: 25 000 (1º aprile 2007-2008) Productores de Música de España[60][61]
Stati Uniti Stati Uniti 500 000 1 000 000 10 000 000 Recording Industry Association of America[62]
Sudafrica Sudafrica 10 000 20 000 Recording Industry of South Africa[63][64]
Svezia Svezia 40 000 80 000 Oro: 15 000, Platino: 30 000 (fino al 30 giugno 2003); Oro: 10 000, Platino: 20 000 (1º luglio 2003-2009); Oro: 20 000, Platino: 40 000 (2010-2017) IFPI Sverige[65][66]
Svizzera Svizzera 10 000 20 000 Oro: 25 000, Platino: 50 000 (fino al 2000); Oro: 20 000, Platino: 40 000 (2001-2005); Oro: 15 000, Platino: 30 000 (2006-2016) IFPI Schweiz[68][69][70]

Note

  1. ^ a b CAPIF: Cámara Argentina de Productores de Fonogramas y Videogramas, su capif.org.ar. URL consultato il 6 settembre 2022.
  2. ^ a b (EN) Australian Recording Industry Association (ARIA) – United by Music, su www.aria.com.au. URL consultato il 6 settembre 2022.
  3. ^ a b (EN) Accreditations - ARIA, su www.aria.com.au. URL consultato il 6 settembre 2022.
  4. ^ a b (DE) IFPI Austria - Verband der österreichischen Musikwirtschaft, su IFPI Austria - Verband der österreichischen Musikwirtschaft. URL consultato il 6 settembre 2022.
  5. ^ a b (DE) Auszeichnungen Archiv, su IFPI Austria - Verband der österreichischen Musikwirtschaft. URL consultato il 6 settembre 2022.
  6. ^ a b belgianentertainment.be, https://web.archive.org/web/20120323190222/http://www.belgianentertainment.be/ Titolo mancante per url urlarchivio (aiuto). URL consultato il 1º settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 23 marzo 2012).
  7. ^ a b ultratop.be - ULTRATOP BELGIAN CHARTS, su www.ultratop.be. URL consultato il 6 settembre 2022.
  8. ^ a b Pro-Música Brasil – Pro-Música Brasil Produtores Fonográfico Associados, su pro-musicabr.org.br. URL consultato il 6 settembre 2022.
  9. ^ a b CERTIFICADOS – Pro-Música Brasil, su pro-musicabr.org.br. URL consultato il 6 settembre 2022.
  10. ^ НАЧАЛО, su www.bamp-bg.org. URL consultato il 6 settembre 2022.
  11. ^ a b (EN) Music Canada, su Music Canada. URL consultato il 6 settembre 2022.
  12. ^ a b (EN) Canadian Recording Industry Association (CRIA): Gold & Platinum, su CRIA, 5 agosto 2010. URL consultato il 6 settembre 2022 (archiviato dall'url originale l'11 gennaio 2016).
  13. ^ Ifpichile.cl, su www.ifpichile.cl. URL consultato il 6 settembre 2022.
  14. ^ a b 한국음악콘텐츠협회, su k-mca.or.kr. URL consultato il 6 settembre 2022.
  15. ^ a b (EN) CIRCLE CHART - 써클차트, su circlechart.kr. URL consultato il 6 settembre 2022.
  16. ^ (HR) Slobodna Dalmacija - FOTO Split: vozač skutera ozlijeđen u naletu automobila, su slobodnadalmacija.hr, 7 marzo 2012. URL consultato il 6 settembre 2022.
  17. ^ a b Certificeringer | IFPI, su ifpi.dk. URL consultato il 6 settembre 2022.
  18. ^ PARI: Philippine Association of the Record Industry, Inc., su www.pari.com.ph. URL consultato il 9 settembre 2022.
  19. ^ PARI: Articles, su www.pari.com.ph. URL consultato il 6 settembre 2022.
  20. ^ a b (FI) Musiikkituottajat — Musiikkituottajat on Suomessa toimivien äänitetuottajien kattojärjestö, su Musiikkituottajat. URL consultato il 9 settembre 2022.
  21. ^ a b (FI) Kulta- ja platinalevyt, su Musiikkituottajat. URL consultato il 6 settembre 2022.
  22. ^ a b (FR) Accueil, su SNEP. URL consultato il 9 settembre 2022.
  23. ^ a b (FR) Les certifications, su Syndicat national de l'édition phonographique. URL consultato il 16 ottobre 2022.
  24. ^ a b Datenbank: BVMI, su www.musikindustrie.de. URL consultato il 6 settembre 2022.
  25. ^ a b The Recording Industry Association of Japan (RIAJ), su www.riaj.or.jp. URL consultato il 9 settembre 2022.
  26. ^ a b Καλώς ήλθατε στην IFPI Greece, su ifpi.gr. URL consultato il 9 settembre 2022.
  27. ^ (EN) IFPIHK, su IFPI Hong Kong. URL consultato il 6 settembre 2022 (archiviato dall'url originale il 14 agosto 2012).
  28. ^ IMI :: Awards, su indianmi.org, 1º maggio 2008. URL consultato il 6 settembre 2022 (archiviato dall'url originale il 29 aprile 2013).
  29. ^ (EN) International Award Levels (PDF), su International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 6 settembre 2022 (archiviato dall'url originale il 28 marzo 2014).
  30. ^ a b IRMA – Irish Recorded Music Association, su www.irma.ie. URL consultato il 9 settembre 2022.
  31. ^ a b International Award Levels (PDF), su International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 6 settembre 2022 (archiviato dall'url originale il 15 febbraio 2010).
  32. ^ a b c d e f International Award Levels (PDF), su International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 6 settembre 2022 (archiviato dall'url originale il 28 marzo 2014).
  33. ^ אלבומי זהב ואלבומי פלטינה - 15 אלף ו-30 אלף עותקים, su mako, 30 agosto 2012. URL consultato il 6 settembre 2022.
  34. ^ a b Vito Vita, Musica solida, Torino, Miraggi Edizioni, 2019, ISBN 9788833860534.
  35. ^ a b (EN) M&M - 1985-07-29 (PDF), su worldradiohistory.com, Music & Media, 29 luglio 1985, p. 5 (paragrafo "Milano Calling" di Lidia Bonguardo). URL consultato il 17 settembre 2020.
  36. ^ a b (EN) M&M - 1989-07-15 (PDF), su worldradiohistory.com, Music & Media, 15 luglio 1989, p. 9 (disco di platino di Fiorella Mannoia - Foto). URL consultato il 19 settembre 2020.
  37. ^ a b (EN) M&M - 1987-04-04 (PDF), su worldradiohistory.com, Music & Media, 4 aprile 1987, p. 2. URL consultato il 17 settembre 2020.
  38. ^ a b (EN) M&M - 1989-09-09 (PDF), su worldradiohistory.com, Music & Media, 9 settembre 1989, p. 3 (Gold & Platinum Awards in Europe). URL consultato il 19 settembre 2020.
  39. ^ a b (EN) M&M - 1994-10-15 (PDF), su worldradiohistory.com, Music & Media, 15 ottobre 1994, p. 6. URL consultato il 19 settembre 2020.
  40. ^ a b Calano le vendite, la FIMI abbassa la soglia di dischi d'oro e di platino, su Rockol, 14 gennaio 2005. URL consultato il 1º ottobre 2020 (archiviato dall'url originale il 20 aprile 2021).
  41. ^ a b A.F.I. Associazione Fonografici Italiani, su afi.it. URL consultato il 6 settembre 2022.
  42. ^ a b Federazione Industria Musicale Italiana, su fimi.it. URL consultato il 6 settembre 2022.
  43. ^ a b Certificazioni, su fimi.it. URL consultato il 6 settembre 2022.
  44. ^ Latvian officials attend cyber-crime summit, su International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 6 settembre 2022 (archiviato dall'url originale il 18 settembre 2007).
  45. ^ a b AMPROFON, su amprofon.com.mx. URL consultato il 9 settembre 2022.
  46. ^ a b (NB) Trofeoversikt - IFPI - Gull og Platina, su ifpi.no, 17 aprile 2020. URL consultato il 6 settembre 2022.
  47. ^ a b (EN) Recorded Music NZ ® - We Love Music, su recordedmusic.co.nz. URL consultato il 9 settembre 2022.
  48. ^ a b (EN) The Official New Zealand Music Chart, su THE OFFICIAL NZ MUSIC CHART. URL consultato il 6 settembre 2022.
  49. ^ a b Goud/Platina, su nvpi.nl. URL consultato il 6 settembre 2022.
  50. ^ a b ZPAV :: Bestsellery i wyróżnienia - Wyróżnienia - Złote płyty CD - Archiwum, su bestsellery.zpav.pl. URL consultato il 6 settembre 2022.
  51. ^ a b ZPAV :: Bestsellery i wyróżnienia - Wyróżnienia - Platynowe płyty CD - Archiwum, su bestsellery.zpav.pl. URL consultato il 6 settembre 2022.
  52. ^ a b ZPAV :: Bestsellery i wyróżnienia - Wyróżnienia - Diamentowe płyty CD - Archiwum, su bestsellery.zpav.pl. URL consultato il 6 settembre 2022.
  53. ^ a b portuguesecharts.com - Portuguese charts portal, su portuguesecharts.com. URL consultato il 6 settembre 2022.
  54. ^ a b (EN) BRIT Certified, su BPI. URL consultato il 6 settembre 2022.
  55. ^ a b ifpicr.cz, http://www.ifpicr.cz/ Titolo mancante per url url (aiuto).
  56. ^ (RU) НФПФ, НП, ИНН 7730146414 | Реквизиты, юридический адрес, КПП, ОГРН, схема проезда, сайт, e-mail, телефон - узнать на sbis.ru, su СБИС. URL consultato il 6 settembre 2022.
  57. ^ Фирмы - InterMedia Информационное Агентство, su showroom.ru. URL consultato il 6 settembre 2022.
  58. ^ (EN) International Award Levels (PDF), su International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 6 settembre 2022 (archiviato dall'url originale il 10 agosto 2012).
  59. ^ (EN) The Recording Industry Association (Singapore) representing record companies in Singapore, su Recording Industry Association Singapore. URL consultato il 6 settembre 2022 (archiviato dall'url originale il 25 maggio 2012).
  60. ^ a b (ES) promusicae.es, Promusicae - Productores de Música de España, su www.promusicae.es. URL consultato il 6 settembre 2022.
  61. ^ a b El portal de Música, su www.elportaldemusica.es. URL consultato il 6 settembre 2022.
  62. ^ a b (EN) Gold & Platinum, su RIAA. URL consultato il 6 settembre 2022.
  63. ^ a b Risa Landing Page, su www.risa.org.za. URL consultato il 6 settembre 2022.
  64. ^ a b risa.org.za, https://www.risa.org.za/website/certification/recent/ Titolo mancante per url url (aiuto).
  65. ^ a b (SV) Ifpi Sverige - För dig som gör eller använder inspelad musik, su Ifpi Sverige. URL consultato il 6 settembre 2022.
  66. ^ a b (SV) Sverigetopplistan, su Sverigetopplistan. URL consultato il 6 settembre 2022.
  67. ^ a b Livelli diversi solo per il repertorio in lingua italiana e francese.
  68. ^ a b (DE) IFPI Schweiz – Verband der Musiklabels, su IFPI Schweiz. URL consultato il 6 settembre 2022.
  69. ^ a b Edelmetall - hitparade.ch, su swisscharts.com. URL consultato il 6 settembre 2022.
  70. ^ a b swisscharts.com, http://www.swisscharts.com/awards.asp Titolo mancante per url url (aiuto).
  71. ^ 財團法人台灣唱片出版事業基金會 - 白金唱片實施要點, su www.rit.org.tw. URL consultato il 9 settembre 2022.
  72. ^ a b c (EN) International Award Levels (PDF), su International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 9 settembre 2022 (archiviato dall'url originale il 28 marzo 2014).
  73. ^ (TR) MÜ-YAP – Bağlantılı Hak Sahibi Fonogram Yapımcıları Meslek Birliği, su tr.mu-yap.org. URL consultato il 9 settembre 2022.
  74. ^ Wayback Machine (PDF), su International Federation of the Phonographic Industry, 27 febbraio 2008. URL consultato il 9 settembre 2022 (archiviato dall'url originale il 27 febbraio 2008).
  75. ^ MAHASZ, su www.mahasz.hu. URL consultato il 6 settembre 2022.
  76. ^ Adatbázis - Arany- és platinalemezek - Hivatalos magyar slágerlisták, su slagerlistak.hu. URL consultato il 6 settembre 2022.
  77. ^ Mi számít arany- és platinalemeznek? - Arany- és platinalemezek - Hivatalos magyar slágerlisták, su slagerlistak.hu. URL consultato il 6 settembre 2022.
  78. ^ Novedades, su Cámara Uruguaya del Disco, 9 luglio 2019. URL consultato il 6 settembre 2022 (archiviato dall'url originale il 9 luglio 2019).
  79. ^ Include i seguenti paesi: Arabia Saudita, Bahrein, Emirati Arabi Uniti, Kuwait, Oman, Qatar.
  80. ^ (EN) Sales Award Application Form - Middle East (PDF), su International Federation of the Phonographic Industry, 12 agosto 2012. URL consultato il 9 settembre 2022 (archiviato dall'url originale il 12 agosto 2012).
  81. ^ Revisione soglie certificazioni per singoli digitali, su fimi.it, Federazione Industria Musicale Italiana, 4 febbraio 2015. URL consultato il 1º ottobre 2020.

Voci correlate

Altri progetti

Altri progetti

  • Wikimedia Commons
  • Collabora a Wikimedia Commons Wikimedia Commons contiene immagini o altri file su certificazione delle vendite di dischi musicali

Collegamenti esterni

  • (EN) Certificazione delle vendite di dischi musicali / Certificazione delle vendite di dischi musicali (altra versione) / Certificazione delle vendite di dischi musicali (altra versione) / Certificazione delle vendite di dischi musicali (altra versione) / Certificazione delle vendite di dischi musicali (altra versione) / Certificazione delle vendite di dischi musicali (altra versione) / Certificazione delle vendite di dischi musicali (altra versione) / Certificazione delle vendite di dischi musicali (altra versione) / Certificazione delle vendite di dischi musicali (altra versione) / Certificazione delle vendite di dischi musicali (altra versione) / Certificazione delle vendite di dischi musicali (altra versione) / Certificazione delle vendite di dischi musicali (altra versione) / Certificazione delle vendite di dischi musicali (altra versione) / Certificazione delle vendite di dischi musicali (altra versione) / Certificazione delle vendite di dischi musicali (altra versione) / Certificazione delle vendite di dischi musicali (altra versione) / Certificazione delle vendite di dischi musicali (altra versione) / Certificazione delle vendite di dischi musicali (altra versione), su MusicBrainz, MetaBrainz Foundation. Modifica su Wikidata
  Portale Economia
  Portale Musica